Tour de France 2008: Riccardo Riccò positivo all’Epo, tristezza senza fine

Tour de France 2008: Riccardo Riccò positivo all’Epo, tristezza senza fine

Riccardo Riccò

Riccardo Riccò (foto “L’Equipe“) è ufficialmente fuori dal Tour de France 2008. E’ stato prelevato dalle forze dell’ordine francesi direttamente sull’autobus della Saunier Duval questa mattina tra i fischi dei tifosi sul luogo. E’ risultato positivo a un controllo antidoping per Epo di terza generazione.

Anche se si deve ancora riscontrare la conferma di questa notizia, anche se è un pugno appena ricevuto, la delusione è immensa, indescrivibile perchè ci si trova davanti a un nuovo tradimento. Non c’è altra parola per descrivere questi casi. Qui su Suipedali cerchiamo sempre di concentrarci sulla parte sportiva del ciclismo, lasciando in secondo piano il problema del doping. Non perchè ce ne disinteressiamo o perchè ci autoconvinciamo che non esista, ma perchè ci sono tante altre belle storie da raccontare che meritano. Di fronte però a un caso così clamoroso non si può rimanere vaghi o liquidarlo in due righe al fondo di un altro articolo.

Le tracce di Epo di nuova generazione sono state riscontrate dopo la cronometro, sembrerebbe che Ricco’ possa aver assunto il CERA, un attivatore continuo dei recettori dell’eritropoietina (l’EPO appunto). Lo scalatore della Saunier Duval era nella lista degli atleti a rischio per la AFLD, Agence Française de Lutte contre le Dopage, dopo gli esami preliminari di Brest del 3 e 4 luglio scorso. C’è da rimanere sconcertati davanti a questi ennesimi casi di positività perchè non hanno un’apparente logica. E’ un’operazione a perdere, una missione suicida, con le nuove tecnologie è praticamente impossibile farla franca, si viene pinzati.
Per di più un atleta di vertice, un potenziale vincitore, che sa benissimo che sarà controllato come non mai persino al capello… come si può sperare di barare e farla franca? Sarebbe bello che fosse tutto uno scherzo, una bufala, ma è quasi impossibile che sia così. La Saunier Duval si è ritirata in blocco dal Tour, lo sponsor ha sospeso l’attività a tempo indeterminato. Lo choc è incommensurabile giustamente.

E’ immediato pensare alle dichiarazioni spavalde post vittoria, alla sfrontatezza ostentata, a un atteggiamento che non è stato mai pienamente apprezzato da chi veramente ama questo sport. E il risultato è che la presa in giro non è doppia, ma tripla. E’ davvero fastidiosa la sensazione, una tristezza malata, una rabbia che forse è solo sconforto. Che vergogna.

410

Segui Sui Pedali

Gio 17/07/2008 da in ,

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Chesterben 21 luglio 2008 17:49

Sembrava veramente l’erede di Pantani ma si rivelato un bluff Riccardo Riccò, il cobra di Formigine che ora non punge più.
Riccò ha scelto, come tanti suoi colleghi, la strada più facile cioè quella dell’imbroglio sotto forma di EPO di terza generazione difficile da da trovare il cui effetto dura all’incirca un mese.
Come tutti i sui predecessori il cobra proclama la sua innocenza, ma bisogna credergli?
Il fatto è che quell’ematocrito alto certificato come “naturale” ha insospettito tutti in Francia e così Riccò è stato controllato ben sei volte e lui diceva “controllatemi pure non ho niente da nascondere”. Ora si aspettano le controanalisi ma il sospetto è che ci troviamo difronte ad un altra vittima di questo sistema, Riccò è giovane e avrà il tempo per rifarsi sempre se non deciderà di assomigliare in tutto e per tutto al suo idolo decidendo di chiudersi in se stesso, noi speriamo di no ma resta il fatto che dopo questa storia siamo tutti delusi ed è arrivato il momento di dire basta

Rispondi Segnala abuso
MELISSA 26 settembre 2008 12:24

INTANTO E’ LA GENTE CHE DICE CHE RICKY HA COME IDOLO PANTANI….BALLE…E POI SE DEVO ESSERE SINCERA POTREI FARMI I SOLDI CON UNO SCOOP CHE HO SENTITO DA UN GIORNALISTA CHE MI ELENCAVA NOMI…E NON PICCOLI….DI POSITIVI AL TOUR…ORA MI STO’ ANCORA CHIEDENDO COME MAI QUESTI NOMI A SETTEMBRE NN SONO ANCORA SALTATI FUORI?HAI QUALCHE IDEA?RICCO’HA FATTO LE SCARPE A QUALCUNO HA VINTO TROPPO E POI NN SI DIVENTA DA SOMARI A CAVALLI DI RAZZA CON UNA PUNTURINA…..FACCIAMO GLI ESAMINI A TUTTI O SOLO A QUELLI PIU’SCOMODI??

Rispondi Segnala abuso
pickett
Pickett 27 settembre 2008 01:10

Sono d’accordo con Melissa,almeno in parte.Mi spiego:é ovvio ke i controlli antidoping non sono affatto così efficaci come vorrebbero far credere,altrimenti Riccò sarebbe risultato positivo già al termine della prima tappa.Invece è stato pizzicato dopo una serie impressionante di controlli,ke sono toccati a lui e ad altri no,ed è proprio questo ke ritengo ingiusto:a mio avviso,se proprio non é possibile,per ovvi motivi,controllare in egual misura tutti e 200 i corridori del Tour,almeno i capitani dovrebbero subire LO STESSO IDENTICO NUMERO DI CONTROLLI,ke dovrebbero essere effettuati con le stesse identike modalità.Se ciò fosse stato fatto,magari tanti corridori ke sulle Alpi hanno fatto i fenomeni avrebbero passato una notte in galera come Riccò.Vi sembra possibile ke 4 grandi potenze del ciclismo come Italia,Francia,Belgio e Olanda,messe assieme non abbiano piazzato neppure un corridore tra i primi 10 in classifica generale,mentre il Lussemburgo ne ha piazzati 3?

Rispondi Segnala abuso
MELISSA 8 ottobre 2008 10:28

GRANDE!!!!!ALMENO UNA PERSONA CHE SI INTENDE DI CICLISMO E NONO SPARA LE SOLITE *******

Segnala abuso
Mateusz 12 febbraio 2012 15:05

le cose cainmabo. cainmabo sempre. arriva un momento in cui ti dici: ma quando è successo? magari il cambiamento non riguarda direttamente te, ma ciò che ti sta intorno, ma il concetto rimane: le cose cainmabo. e quando la consapevolezza ti atterra, è sempre un po’ troppo tardi o sei in tempo solo a metà, tanto che puoi aggiustare il tiro, ma il centro del bersaglio – ormai – è andato. insomma, la vità è un punto di domanda. l’unico modo per sopravvivere a noi stessi, ai ritardi, agli errori, agli sprechi, è forse quello di imparare ad apprezzare. perchè altrove, lontano dalle nostre esistenze dubbiose, c’è chi il dubbio non sa cosa sia e non perchè sai stupido, ma perchè le alternative non le ha mai avute. le cose cainmabo quando si hanno alternative fra cui scegliere e la scelta non è sempre quella giusta o la migliore fra quelle disponibili. se provi ad essere una risposta, secondo me, stai andando nella direzione gisuta.bacio

Rispondi Segnala abuso
Seguici