Bici da downhill: i migliori modelli di biciclette dh per qualità-prezzo 2024

Le bici da downhill sono ideali per le attività sportive estreme: ecco quali sono i migliori modelli per rapporto qualità-prezzo

Bici da downhill, le migliori per rapporto qualità-prezzo
Bici da downhill, le migliori per rapporto qualità-prezzo - Foto Shutterstock | Kuznetcov_Konstantin


Le bici da downhill si caratterizzano per il fatto di essere usate dai rider per le loro discese a folle velocità. Questo tipo di biciclette, infatti, sono facili da portare ad alte velocità permettendo agli sportivi professionisti di mettere in pratica evoluzioni al limite dell’impossibile.

Le biciclette da downhill, però, non sono utili sono per lanciarsi in discese folli, ma sono anche le migliori nei bike park, su ogni tipo di salto o anche per essere usate come biciclette da freeride.

Ma quali sono i modelli più iconici in circolazione? Ecco alcune delle migliori bici da downhill nel rapporto qualità-prezzo.

Canyon Sender CF 9.0

Canyon Sender CF 9.0
Canyon Sender CF 9.0 – Foto credits Canyon media

Una delle migliori bici da downhill al mondo è senza dubbio Canyon Sender CF 9.0. mezzo con il quale Troy Brosnan si è esibito sulle piste di mezzo mondo arrivando a giocarsi il titolo mondiale. Dedicata a utenti esperti che ogni fine settimana vanno alla ricerca delle traiettorie migliori per ridurre i secondi sul tempo in pista, richiede un livello avanzato di tecnica.

Pronta per le corse e collaudata ai massimi livelli, Canyon Sender CF 9.0 è realizzata con un telaio in carbonio e monta ruote da 27,5″ per un peso totale di poco superiore ai 16 kg. Il prezzo, poi, è competitivo per il livello di qualità che offre attestandosi poco sopra i 4.000 euro.

Santa Cruz V10

Santa Cruz V10
Santa Cruz V10 – Foto credits Santa Cruz Bicycles media

Una vera e proprio icona, quando si parla di bici da downhill, è Santa Cruz V10, utilizzata nelle massime competizioni dalla leggenda Greg Minnaar. Questa si presenta con geometrie regolabili che la rendono una bici una bici bassa e lunga, con un angolo di sterzo da 63.7 gradi.

La diatriba sulla scelta delle dimensioni delle ruote è con Santa Cruz presto risolta: la V10 è disponibile con ruote da 27,5”, da 29” oppure in versione mullet con 27,5” al posteriore e 29” all’anteriore.

Santa Cruz V10, inoltre, può contre su un telaio in Carbonio CC, quello più pregiato della gamma Santa Cruz con 6 diversi allestimenti. Dalla versione S alla X01 cambiano allestimento e peso complessivo, che nel top di gamma arriva a 15,5 kg. Il prezzo varia, partendo da 6.999 euro e arrivando fino a 8.999 euro.

Mondraker Summun Carbon R

Mondraker Summun Carbon R
Mondraker Summun Carbon R – Foto credits Mondraker media

Altar bici da downhill degna di nota è senza dubbio Mondraker Summun Carbon R. Un mezzo sul quale l’azienda spagnolo ha cercato la massima leggerezza, attraverso una struttura in carbonio, con una geometria ad hoc e una tecnologia di sospensione chiamata Zero Suspension.

Proposta sia in versione da 29” o mullet per ottenere agilità e ottimo superamento degli ostacoli Carbon R ha un telaio in carbonio e un prezzo di poco inferiore agli 8.000 euro che la rendono particolarmente appetibile per utenti già esperti.

Commencal Supreme DH V5

Commencal Supreme DH V5
Commencal Supreme DH V5 – Foto credits Commencal media

Anche Commencal Supreme DH V5, che si basa su uno schema sospensivo HVCS a 6 barre e un punto di rotazione alto, rientra a pieno titolo tra le migliori bici da downhill sul mercato. Il telaio è realizzato in alluminio con un ammortizzatore che può essere regolato attraverso 4 opzioni – Alta, Bassa, Anteriore o Posteriore – che incidono sia sulle geometrie.

Una bici che può adattarsi a ogni tipo di conducente grazie anche alle tre diverse impostazioni per la lunghezza dei foderi bassi. La Commencal Supreme DH V5 parte da un prezzo di 5.700 euro, per arrivare alla versione Signature – la più prestazionale – che si spinge fino ai 7.400 euro.

Autore Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti.

Visualizza tutti i post di Matteo Vana →