Cicloturismo in Abruzzo: i migliori itinerari e percorsi per bici

Il cicloturismo, in Abruzzo, è una delle attività migliori da fare: ecco i percorsi più emozionanti da percorrere in bici

Cicloturismo in Abruzzo, gli itinerari migliori
Cicloturismo in Abruzzo, gli itinerari migliori - Foto Shutterstock di Enrico Spetrino


Fare cicloturismo in Abruzzo è una delle attività che regalano più emozioni ai ciclisti. Questa, infatti, è una delle regione bike friendly per eccellenza, tanto da regalare alcuni tra i migliori itinerari d’Italia.

Sono tantissimi i ciclisti che, insieme alle loro bici da trekking, decidono di esplorare ciclovie o sentieri dell’Abruzzo, immergendosi nella natura o andando alla scoperta di piccoli borghi incantati. Ecco, quindi, alcuni tra gli itinerari migliori per fare cicloturismo in Abruzzo.

Costa dei Trabocchi

Costa dei trabocchi
Costa dei trabocchi -Foto Shutterstock | di Florian Augustin

Uno dei migliori itinerari per andare alla scoperta dell’Abruzzo è quello della “Costa dei Trabocchi”. La pista ciclabile accompagna i ciclisti attraverso la scoperta delle caratteristiche terrazze sul mare e consente inoltre di godere del relax della Riserva Naturale Regionale Lecceta di Torino di Sangro grazie ai suoi 175 ettari ricchi di percorsi natura ed escursionistici.

Proseguendo nel percorso, poi, si può approdare anche nella Riserva Naturale Regionale di Punta Aderci, uno dei tratti più spettacolari del litorale abruzzese con un’alternanza di spiagge sabbiose e scogliere naturali.

Parco Nazionale del Gran Sasso

Castello di Rocca Calascio
Castello di Rocca Calascio – Foto Shutterstock | di ValerioMei

Per chi decide di fare cicloturismo in Abruzzo uno dei percorsi “obbligati” è quello che riguarda il Parco Nazionale del Gran Sasso. Un tour leggermente fuori dagli schemi ma che permette di scoprire alcuni dei borghi medioevali caratteristici incastonati tra Pescara e il Gran Sasso come Penne, Loreto Aprutino e tanti altri.

Un percorso adatto anche a famiglie con bambini per andare alla scoperta della natura con una tappa irrinunciabile come il famoso castello medievale di Rocca Calascio, simbolo abruzzese immerso nel verde cuore del Parco.

Il tour lungo il fiume Pescara

Pescara
Pescara – Foto Shutterstock | di Dariusz Jarzabek

Altro itinerario particolarmente suggestivo per chi fa cicloturismo in Abruzzo è quello che porta alla scoperta del fiume Pescara. Seguendo il corso e sfruttando l’ampia rete di piste ciclabili è possibile incontrare scorci e vedute da togliere il fiato scoprendo una natura incontaminata.

Costeggiando il fiume si arriva poi al centro storico della città visitando così la “vecchia” Pescara con i suoi monumenti tipici come la Cattedrale di San Cetteo o attraversando i monumentali bastioni della vecchia fortezza borbonica, costruita durante la prima metà del ‘500 sulle due sponde del fiume.

Area protetta di Pineto

Area protetta di Pineto
Area protetta di Pineto – Foto Shutterstock | Only Fabrizio

Altro itinerario particolarmente indicato per chi vuole esplorare l’Abruzzo in bici è quello dell’area protetta di Pineto. Un percorso adatto a tutti e che offre la possibilità di esplorare alcuni luoghi particolarmente suggestivi come la Torre del Cerrano, una struttura cinquecentesca spagnola che ospita il Museo del Mare, oltre a un giardino con enormi pini e rare specie di piante.

Inoltre, percorrendo questo itinerario, si può andare alla scoperta anche di Atri, il borgo della liquirizia, nel quale visitare la basilica medievale circondata da uno straordinario paesaggio, come l’area dei Calanchi, dove le montagne sono caratterizzate da profonde voragini causate dalle erosioni del terreno argilloso.

Autore Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti.

Visualizza tutti i post di Matteo Vana →