Trofeo Pollença – Port d’Andratx: vince il padrone di casa Pelayo Sanchez

Un nuovo giovane spagnolo in trionfo alla Challenge Mallorca. Il Trofeo Pollença – Port d’Andratx è di Pelayo Sanchez del Team Movistar.

Pelayo Sanchez
Pelayo Sanchez in allenamento con la nuova maglia della Movistar (foto: Pelayo Sanchez/Instagram)


Un altro giovane si aggiunge alla lista dei corridori che in queste prime gare della stagione stanno mostrando grandissime qualità. Dopo Paul Magnier e Lennert Van Eetvelt, vincitori l’altro ieri e ieri alla Challenge Mallorca, oggi è il giorno di Pelayo Sanchez, primo sul traguardo del Trofeo Pollença – Port d’Andratx.

Lo spagnolo alza le braccia al cielo al termine di una corsa combattutissima e che ha visto i migliori giocarsi il successo in una volata ristretta. Sanchez del Team Movistar è riuscito con un guizzo a superare e mettere le proprie ruote davanti a quelle di Marius Mayrhofer della Tudor Pro Cycling.

Leggermente più dietro, invece, ha chiuso Aleksandr Vlasov (Bora-hansgrohe), capace con un colpo di reni di mettersi alle spalle il norvegese Tobias Halland Johannessen (Uno-X Mobility). Sempre nel gruppo di testa in quinta posizione troviamo il belga Ilan Van Wilder (Soudal Quick Step) e in sesta Benjamin Thomas (Cofidis).

Completano la top-ten: Brandon McNulty (UAE Team Emirates), Lennert Van Eetvelt (Lotto Dstny), Marc Soler (Movistar) e il nostro Alberto Bettiol (EF Education EasyPost). Come al Trofeo Calvià, il corridore toscano è il primo italiano al traguardo.

Ad animare la corsa oggi sono stati sei corridori, entrati in fuga nei primissimi chilometri e protagonisti di un lungo testa a testa con il gruppo, terminato quando mancavano ancora un terzo di gara. I nomi dei sei attaccanti erano i seguenti: Idar Andersen (Uno-X Mobility), Jonas Gregaard (Lotto Dstny), Dylan Vandenstorme (Flanders Baloise), Cole Kessler (Lidl Trek), Hugo Scala Jr. (Project Echelon) e Sebastian Niehues (Rembe Pro Cycling Team Sauerland).

Chi è Pelayo Sanchez, vincitore del Trofeo Pollença – Port d’Andratx

Terzo ai campionati nazionali juniores nel 2018, quinto in quelli riservati alla categoria Under 23 nel 2020, Pelayo Sanchez non è sicuramente lo spagnolo dotato di maggior talento della sua generazione (è nato il 27 marzo 2000 a Tellego), tuttavia la sua crescita lascia ben sperare per il futuro.

Passato professionista nel 2021 con la maglia della Burgos-BH ha subito partecipato alla Vuelta di Spagna. Nessun risultato di rilievo, ma sappiamo quanto importante sia per un giovane partecipare a una corsa di tre settimane.

Nel 2022 un piccolo salto in avanti. Settimo alla Volta ao Alentejo con la maglia di miglior giovane, sesto in una tappa della Volta Asturias e altri piazzamenti degni di nota.

È però lo scorso anno che Pelayo Sanchez fa vedere tutte le sue qualità: secondo al Trofeo d’Andtratx, quinto al Tour du Doubs, tappa vinta alla Vuelta Asturias, terzo al GP Beiras e terzo in una tappa della Vuelta di Spagna. Questi risultati sono valsi il passaggio nel World Tour con la maglia del Team Movistar.

Autore Emanuele Peri

Sono un appassionato di ciclismo e di scrittura. Tutto è iniziato quando ero ancora molto piccolo e il giornalismo era il lavoro dei miei sogni. Unire questa passione ai pedali e alle due ruote è l'obiettivo verso cui tendere ogni giorno.

Visualizza tutti i post di Emanuele Peri →