Fat bike: i migliori modelli per qualità-prezzo 2024

Le fat bike sono biciclette particolarmente amate dagli sportivi: ecco i migliori modelli nel rapporto qualità-prezzo

Fat bike, i migliori modelli per qualità-prezzo
Fat bike, i migliori modelli per qualità-prezzo - Foto Shutterstock | CSNafzger


Le fat bike sono biciclette nate per affrontare terreni particolarmente difficili e accidentati e rappresentano l’evoluzione delle classiche mountain bike.

Con il termine “fat”, infatti, si fa riferimento alle grosse ruote con pneumatici e cerchi molto larghi in grado di garantire un maggior contatto con il terreno e una maggior libertà di movimento permettendo a questi mezzi di muoversi senza grandi sforzi anche si neve fango o sabbia rendendole particolarmente amate dagli sportivi e dagli amanti dei sport estremi.

Nonostante l’aspetto più massiccio, però, il peso di una fat bike non è diverso da quello di una classica mountain bike: le ruote sebbene siano maggiorate, sono piene d’aria e il telaio si può trovare in acciaio, ma anche in fibra di carbonio o alluminio.

Ma quali sono le migliori fat bike in circolazione? Ecco i modelli più interessanti nel rapporto qualità-prezzo.

Nilox J3

Nilox J3
Nilox J3 – Foto credits Nilox media

Nel variegato mondo delle fat bike una delle migliori nel rapporto qualità-prezzo è Nilox J3. Caratterizzata da una pedalata assistita e ruote da 20”, cambio tipo Shimano a sette marce e freni a disco questo modello rappresenta il top per gli amanti del fuoristrada permettendo di affrontare escursioni anche su terreni scoscesi ed irregolari.

Grazie alla presenza di un motore a cinque velocità, attivabile dal display LCD presente sul manubrio, la fatica sarà minima. Nilox J3 può raggiungere i 25 km/h grazie alla presenza del motore brushless high speed da 250 Watt di potenza e una batteria LG da 36V 8 AH (288 Wh) ricaricabile e con una autonomia fino ai 45 km. per un costo che supera di poco i 1.000 euro.

Engwe M20

Engwe M20
Engwe M20 – Foto credits Engwe media

Per chi cerca un modello in grado di affrontare ogni avventura fuoristrada, una delle migliori fat bike nel rapporto qualità-prezzo è Engwe M20. Dotata di un motore da 1000 W e di una batteria da 48 V 26 Ah, questo modello offre un’autonomia fino a 150 km in modalità elettrica con doppia batteria.

Engwe M20, inoltre, è dotata di pneumatici fat da 20 x 4,0” che offrono una buona trazione su neve, fango e altri terreni difficili. Disponibile in tre colori, con telaio bianco, nero o verde, costa poco più di 1.000 euro.

SAMEBIKE XWLX09 

SAMEBIKE XWLX09
SAMEBIKE XWLX09 – Foto credits SAMEBIKE media

SAMEBIKE XWLX09 è una fat bike elettrica, pieghevole. Che monta un motore da 250 W e una batteria da 36 V 10,4 Ahoffrendo un’autonomia fino a 40 km in modalità elettrica. Realizzata con un telaio in alluminio leggero, pneumatici da 26” ad alta resistenza e freni a disco idraulici, rappresenta una delle migliori nel rapporto qualità-prezzo rimanendo sotto la soglia dei 1.000 euro.

Questa fat bike, inoltre, è dotata di un display LCD che mostra la velocità, la batteria e altri dati utili. Tra i vantaggi di questo modello, poi, c’è anche quello di essere pieghevole per essere trasportata ovunque con facilità.

NCM Aspen Plus

NCM Aspen Plus
NCM Aspen Plus – Foto credits NCM media

Sviluppata in Islanda per essere guidata su neve e ghiaccio. Caratterizzata da un’ampia larghezza del pneumatico, NCM Aspen Plus rappresenta una delle migliori fat bike che il mercato può offrire rendendola ideale non solo per le condizioni estreme ma anche su terreni morbidi, come sabbia e ghiaia. 

Questa bici elettrica è progettata con un robusto telaio in alluminio, un manubrio e una sella rigidi e robusti per migliorare ergonomia e prestazioni. Il tubo orizzontale alto rende inoltre la bici molto resistente consentendo di trasferire efficacemente la potenza su strada. Abbordabile anche il costo, di poco superiore ai 1.300 euro.

Autore Matteo Vana

Laureato in Editoria e Giornalismo, ha iniziato a muovere i primi passi con calcio e motori, due passioni delle quali ha fatto un lavoro. Pubblicista dal 2014, ama lo sport, i viaggi e i fumetti.

Visualizza tutti i post di Matteo Vana →