Scott Cadence Plus: tutte le caratteristiche del nuovo casco

Presentiamo il nuovo casco Cadence Plus dell’azienda svizzera Scott. Ecco tutte le sue caratteristiche

Scott
Il casco Scott Cadence Plus (credits: Daniel Geiger)


È stato presentato nelle scorse ore il nuovo casco dell’azienda svizzera Scott. Parliamo di un prodotto destinato a rivoluzionare il ciclismo su strada, portando ad un livello superiore il concetto di velocità e aerodinamica. Conosciamo meglio il nuovissimo Cadence Plus.

Gli ingegneri Scott sono partiti sempre dalla progettazione e in mente c’era un solo obiettivo: creare la perfetta ottimizzazione di dimensioni, velocità e versatilità. Tutti questi aspetti uniti in un design moderno ed elegante.

Il risultato è stato eccezionale, il nuovo casco ha raggiunto i suoi obiettivi prestazionali, superandone di gran lunga alcuni. I test in galleria del vento sono la prova delle performance di questo fantastico prodotto.

Scott Cadence Plus: un po’ di dati

Andiamo un po’ sui numeri, chiodo fisso degli appassionati di tecnica. Scott ha reso noti alcuni dati sui test e l’analisi del casco rispetto al suo predecessore. Eccoci quindi ad avere un coefficiente di resistenza aerodinamica inferiore del 5,2%.

Ma non solo, troviamo anche il 22% di resistenza in meno con venti trasversali di 15 gradi e un volume del 10% inferiore. In termini di watt, otteniamo un risparmio di 1 Watt alla velocità di 43 km/h senza inclinazione. In termini di tempo, parliamo di 10 secondi su 40 chilometri.

Attenzione, per chi cerca un’ulteriore ottimizzazione aerodinamica e protezione dal freddo, è possibile procedere all’acquisto separato dei tappi di ventilazione anteriori opzionali. Pensate che le prese laterali forniscono invece un risparmio di 2 watt, ovvero 16 secondi su 40 chilometri di attività.

Il design

Uno degli obiettivi dell’azienda svizzera Scott per il nuovo casco Cadence Plus era avere un design più moderno. Troviamo infatti una fibbia magnetica migliore che consente un fissaggio facile e sicuro. Ma gli sforzi fatti hanno coinvolto designer, ingegneri e product manager: tutti per lo stesso risultato da raggiungere.

Riguardo al peso troviamo un sistema Mips Air Mode implementato. Un nuovo strato Mips a basso attrito adatto per caschi ventilati e leggeri che riduce il movimento rotatorio della testa in determinati impatti angolati.

Interessante lo stivaggio facile e comodo degli occhiali da sole. Il design delle prese d’aria anteriori consente agli occhiali da sole di rimanere facilmente e comodamente in posizione. E poi c’è l’aspetto riguardante il comfort, specie in condizione di guida con scarsa illuminazione e in inverno. Nello sviluppo, dunque, è stata inclusa una luce posteriore a clip, che offre la possibilità di migliorare la visibilità e consentire una guida comoda e sicura.

Autore Emanuele Peri

Sono un appassionato di ciclismo e di scrittura. Tutto è iniziato quando ero ancora molto piccolo e il giornalismo era il lavoro dei miei sogni. Unire questa passione ai pedali e alle due ruote è l'obiettivo verso cui tendere ogni giorno.

Visualizza tutti i post di Emanuele Peri →