Van der Poel vittima del lancio di birra e insulti al Fiandre

Mathieu Van der Poel al Giro delle Fiandre è stato vittima del lancio di birra

Van der Poel
Mathieu Van der Poel sul podio del Giro delle Fiandre (credits: Instagram/Ronde Van Vlaanderen)


Il rapporto tra Mathieu Van der Poel e i tifosi belgi si fa sempre più incrinato. Ancora una volta infatti, degli spettatori hanno lanciato al campione del mondo olandese birra e urina mentre si involava in solitaria verso uno splendido successo. Al Giro delle Fiandre, infatti, l’ennesimo spiacevole episodio.

La maglia iridata è andata via sul Koppenberg, facendo la differenza e mettendo tra sé e gli avversari un gap letteralmente incolmabile. Come successo però già in passato nel ciclocross, mentre percorreva i muri più impegnativi, si è visto lanciare birra e fischiare.

Ho sentito qualcosa mentre pedalavo, ma ero pienamente concentrato sul mio sforzo e così in quel momento non mi ha dato particolarmente fastidio“. Così ha parlato Van der Poel ai microfoni di Sporza, cercando forse di minimizzare l’accaduto e non inasprire ulteriormente la questione con i tifosi belgi.

Le parole di Van Den Spiegel sulla birra a Van der Poel

Molto molto dure, invece, le parole di Thomas Van Den Spiegel, direttore di Flanders Classic, la società organizzatrice del Giro delle Fiandre. “Se gli spettatori hanno lanciato davvero la birra, siate pur sicuri che saranno identificati. Apriremo una causa civile, come già successo alla Omloop Het Niuewsblad a Marianne Vos, sempre sul Muur“. Queste le parole a Het Laatste Nieuws.

Un ruolo molto importante in questo caso lo avrà anche Joost Duhamel, capo della polizia locale. Duhamel ha promesso che l’organizzazione sarà supportata dalle forze dell’ordine per l’identificazione degli spettatori che si sono resi protagonisti del gesto. “Durante la corsa non siamo riusciti a identificare nessuno. Tuttavia, guarderemo i filmati e basandoci su questo, riconosceremo chi è stato“. La polizia è infatti già al lavoro per esaminare le immagini delle telecamere e risalire ai responsabili.

Ricordiamo che quest’inverno durante la prova di ciclocross a Hulst, a Van der Poel sono state gettate addirittura buste di urina. Fischi, ululati e insulti sono invece volati al campione del mondo durante l’E3 Saxo Classic. Ora si è aggiunta anche la birra: qualcosa deve cambiare.

La speranza è che nulla succeda domenica alla Parigi Roubaix. In Francia, infatti, la maglia iridata andrà a caccia di una doppietta difficilissima e che non riesce a nessuno ormai da diversi anni. Van der Poel è ovviamente il favorito numero uno, tanto che in molti affermano che il suo principale rivale sarà il compagno di squadra Jasper Philipsen, già vincitore della Milano Sanremo. Non ci resta che attendere per saperne di più.

Autore Emanuele Peri

Sono un appassionato di ciclismo e di scrittura. Tutto è iniziato quando ero ancora molto piccolo e il giornalismo era il lavoro dei miei sogni. Unire questa passione ai pedali e alle due ruote è l'obiettivo verso cui tendere ogni giorno.

Visualizza tutti i post di Emanuele Peri →