Trofeo Calvià, Simon Carr si aggiudica la prima prova della Challenge Mallorca

Simon Carr ha vinto la prima prova della Challenge Mallorca, il Trofeo Calvià, davanti ad Aleksandr Vlasov e Brandon McNulty. Quinto Alberto Bettiol

Simon Carr
Simon Carr in azione al Tour of the Alps (foto: Josef Vaishar)


Si è disputata questo pomeriggio la prima prova della Challenge Mallorca, il Trofeo Calvià, corsa che ha aperto una cinque giorni di gare sull’isola delle Baleari. Il percorso era molto impegnativo e i distacchi al traguardo rendono bene l’idea della dura giornata che è stata.

A Simon Carr la prima prova della Challenge Mallorca

A vincere è stato Simon Carr (EF Education EasyPost) che con molta astuzia e intelligenza è riuscito a superare in uno sprint a due il russo Aleksandr Vlasov (Bora hansgrohe). I due, insieme allo statunitense Brandon McNulty (UAE Team Emirates), erano riusciti a fare la differenza su una delle salite più impegnative di giornata, collaborando fino agli ultimi chilometri.

A tremila metri dalla conclusione il colpo di scena. McNulty è colpito da un improvviso attacco di crampi ed è costretto a rallentare per recuperare. Probabilmente in questa situazione i grandi carichi di lavoro invernali hanno fatto pagare il conto.

A quel punto è stata una sfida a due con Vlasov che ha provato anche ad allungare in discesa per sorprendere il rivale britannico. Carr però, dopo qualche centinaia di metri passati per ricucire il gap, si è incollato alla ruota del russo, battendolo in volata.

Giornata positiva anche per il nostro Alberto Bettiol, bravo a evadere dal gruppo degli inseguitori insieme allo spagnolo Alex Aranburu (Movistar Team). Sfortunatamente il corridore della EF Education EasyPost si è mosso troppo tardi e per questo motivo non è riuscito a rientrare sui tre attaccanti. Per lui, comunque, arriva una quinta posizione tutto sommato positiva.

Sesta posizione per Rui Costa sempre della EF Education EasyPost che regola il gruppo a poco più di due minuti dal vincitore. Dietro il portoghese chiudono Marius Mayrhofer (Tudor Pro Cycling Team), Hugo Page (Intermarché Wanty), Ilan Van Wilder (Soudal Quick Step) e l’altro italiano Samuele Zoccarato (VF Group Bardiani CSF Faizané).

Le parole dei protagonisti

Aleksandr Vlasov ci ha provato fino all’ultimo, ma si è dovuto arrendere allo spunto veloce superiore di Simon Carr. “È stata una gara durissima, nella quale siamo andati full gas. Volevamo rendere la corsa impegnativa, visto che sono uno scalatore, e in parte ci siamo riusciti. Purtroppo non ho vinto, ma è bello iniziare così la stagione, mi sono divertito“.

Tra i più delusi c’è sicuramente Brandon McNulty, colpito dai crampi nel finale e costretto ad abbandonare la lotta per la vittoria. “La squadra è stata eccezionale, mi ha permesso di giocarmela. I crampi mi hanno bloccato entrambe le gambe, ma posso ritenermi soddisfatto per l’ottimo inizio di 2024. Cose come questa possono succedere a inizio stagione“.

Autore Emanuele Peri

Sono un appassionato di ciclismo e di scrittura. Tutto è iniziato quando ero ancora molto piccolo e il giornalismo era il lavoro dei miei sogni. Unire questa passione ai pedali e alle due ruote è l'obiettivo verso cui tendere ogni giorno.

Visualizza tutti i post di Emanuele Peri →