Welsford vince la 1ª tappa del Tour Down Under: percorso e favoriti 2ª tappa

Sam Welsford, corridore australiano della Bora-hansgrohe, ha vinto la prima tappa del Tour Down Under, prova di apertura del calendario WorldTour 2024

Sam Welsford
Sam Welsford vince la prima tappa del Tour Down Under 2024 - Foto SprintCyclingAgency


Si è aperta questa mattina la stagione ciclistica WorldTour 2024. Un inizio ad altissima velocità che ha visto il gruppo del Tour Down Under sfrecciare sotto la linea del traguardo di Tanunda. A vincere la prima tappa della corsa australiana è stato il padrone di casa Sam Welsford, uno dei corridori più acclamati del pubblico.

Una volata senza storia che ha premiato il neo corridore della Bora-hansgrohe, bravissimo a superare in volata il tedesco Phil Bauhaus della Bahrain-Victorious e l’eritreo Biniam Girmay della Intermarché-Wanty. Non riesce, invece, a salire neppure sul podio il favorito di giornata, Caleb Ewan della Jayco-AlUla.

Chi è Sam Welsford

Nato il 19 gennaio del 1996, Sam Welsford è nato a Subiaco, cittadina vicino Perth in Australia. Vanta sei vittorie in carriera, l’ultima proprio oggi al Tour Down Under, ma anche due frazioni alla Vuelta a San Juan, il Grand Prix Criquelion, una tappa al Renewi Tour e un’altra al Giro di Turchia.

L’inizio di carriera di Welsford è stato molto complicato. Per passare professionista ci ha messo molti anni, cambiando molto spesso squadra nel livello élite e Continental. Solo nel 2022, a 26 anni, il Team Dsm ha creduto nelle sue qualità, dimostrando di avere ragione.

Dopo due anni nel team olandese, da questo 2024, l’australiano veste la maglia della Bora-hansgrohe, la stessa di Roglic. A maggio è atteso al Giro d’Italia dove sfiderà, tra gli altri, anche i nostri Jonathan Milan e Filippo Ganna allo sprint.

La tappa di domani

Il Tour Down Under non si ferma e domani è attesa la seconda tappa, quella che da Norwood porterà il gruppo a Lobethal dopo 141,6 chilometri molto vallonati. Non è una frazione troppo complicata, ma i tanti saliscendi metteranno fatica nelle gambe dei corridori.

A risultare decisivo potrebbe essere l’ultimo “dentello” di 600 metri al 5,6% a 4,5 chilometri dal traguardo finale. Qui c’è il terreno per piazzare l’attacco e sorprendere gli avversari, altrimenti sarà nuovamente volata.

Sam Welsford è chiamato alla doppietta, ma come spiegato precedentemente il percorso potrebbe anche penalizzarlo. Sicuramente gli occhi del gruppo saranno puntati sull’australiano, che dovrà però difendersi dagli attacchi degli avversari.

Attenzione infatti al nostro Filippo Ganna, ma anche all’altro australiano Caleb Ewan e al tedesco Phil Bauhaus. Chi potrebbe sorprendere da lontano è invece Julian Alaphilippe, il francese due volte campione del mondo su strada a Imola e Lovanio.

Gli altri italiani? C’è curiosità attorno a Diego Ulissi, un corridore che al Tour Down Under ha sempre fatto molto bene.

Autore Emanuele Peri

Sono un appassionato di ciclismo e di scrittura. Tutto è iniziato quando ero ancora molto piccolo e il giornalismo era il lavoro dei miei sogni. Unire questa passione ai pedali e alle due ruote è l'obiettivo verso cui tendere ogni giorno.

Visualizza tutti i post di Emanuele Peri →