Ciclismo News

Tutte le ultime notizie sul ciclomercato, comunicati ufficiali delle squadre, vicende di doping e manifestazioni collaterali

Roma Maxima 2014: vince Alejandro Valverde

T15_Fassa_alt

Roma Maxima 2014 a Alejandro Valverde che arriva tutto solo davanti al Colosseo dopo un’azione spettacolare insieme a Domenico Pozzovivo sullo strappo decisivo di Campi di Annibale. In realtà il folletto italiano aveva scollinato per primo, andando a riprendere e staccare l’iberico, ma ha perso contatto nel finale giungendo addirittura quinto. Fuga a sette durante la gara con Bonifazio, Brandle, Teklehaimanot, Van Niekerk, Damuseau, Reijnen e Gastauer, poi bagarre ai Castelli Romani con Nairo Quintana a lavorare con gli altri della Movistar per il capitano. Da lì la scrematura preliminare fino allo strappo di Campi di Annibale con Valverde-Pozzovivo in fuga prima e poi solo Alejandro dopo, che ha gestito il vantaggio precedendo di solo un secondo Davide Appollonio e Sonny Colbrelli, rispettivamente secondi e terzi.

Leggi l'articolo

Tour of Oman 2014 a Chris Froome

Tour of Oman 2014 Froome

Il Giro dell’Oman alias Tour of Oman 2014 va nelle algide mani di Chris Froome (Sky): il britannico-kenyano bianco già vincitore del Tour de France 2013, si aggiudica la mini corsa a tappe dell’Emirato arabo e dimostra così di essere già in buona condizione. E/o che gli basta anche una condizione approssimativa per poter fare la differenza. L’ultima frazione terminata sul lungomare di Mattrah vicino alla capitale Muscat – la sesta – è stata vinta da André Greipel: il tedescone della Lotto ha battuto in ordine Bouhanni, Bennett, Kristoff, Morkov nella volata con Fortin e Trentin al sesto e settimo posto rispettivamente. Nella classifica generale si è invece vista la seconda piazza dell’americano Van Garderen (Bmc) e la terza per l’ex gregario, il colombiano Uran Uran. Miglior italiano Pozzovivo, sesto.

Leggi l'articolo

Giro del Mediterraneo 2014 a Steve Cummings

Giro del Mediterraneo 2014

Il Giro del Mediterraneo 2014 si chiude con la vittoria finale del britannico Steve Cummings della BMC che ha legittimato il successo con una prova maiuscola a cronometro nella penultima frazione (semitappa). La tappa regina, con arrivo in cima al Mont Faron, è stata vinta dal francese Jean-Christophe Peraud (Ag2r La Mondiale), medaglia d’argento alle Olimpiadi di Pechino 2008 nel cross country, che a 36 anni si aggiudica la Baldol-Toulon di 192,7 chilometri precedendo in volata l’argentino Eduardo Sepulveda (Bretagne-Séché) col quale era andato in fuga. Terzo posto per l’austriaco Stefan Denifl (Iam Cycling) e poi il leader Steve Cummings (Bmc).

Leggi l'articolo

Dubai Tour 2014 a Taylor Phinney

Taylor Phinney

Taylor Phinney si aggiudica la prima edizione del Dubai Tour che si è corsa sotto l’organizzazione di RCS Sport ossia con la stessa “base” del Giro d’Italia. L’americano più amato dall’Italia delle bici vince così la sua prima corsa a tappe, seppur mini e non così impossibile, e trionfa in popolarità insieme a Marcel Kittel. Il tedescone già dominatore degli sprint del Tour de France 2013 vince infatti tre volate e si dimostra essere il velocista numero uno del momento. Anche l’ultima frazione terminata proprio sotto il grattacielo più alto del mondo, il Burj Khalifa, ha visto il sigillo dell’uomo della Shimano. Seconda piazza per l’australiano Renshaw e terza per il nostro Andrea Guardini. In classifica generale, dietro a Taylor Phinney si sono piazzati il compagno di team Cummings a 15″, il danese Lasse Norman Hansen a 17″, Tony Martin a 23″ e Fabian Cancellara a 30″. Ovviamente la cronometro è stata fondamentale.

Leggi l'articolo

GP Costa degli Etruschi 2014 a Simone Ponzi

Gruppo ciclismo

Il GP Costa degli Etruschi 2014 a Donoratico ha dato ufficialmente il via alla stagione italiana e Simone Ponzi ha immediatamente bagnato il debutto dimostrando quanto è determinato e forte, più di quanto molte squadre immaginavano, visto che non riusciva a trovarsi un ingaggio. Il 27enne della Yellow Fluo è scattato in contropiede quando mancavano 2 chilometri all’arrivo, scegliendo il momento giusto per avvantaggiarsi quel tanto che bastava per non essere più ripreso. Gli altri quattro componenti della fuga sono stati riassorbiti dal gruppo che però non ha potuto far altro che giungere a otto secondi dal vincitore. Seconda piazza per Finetto che ha preceduto di un soffio Pasqualon e poi Rabottini. Da segnalare l’ottima prova anche del neo-pro Formolo che è scattato sul secondo passaggio del Torre Segalari.

Leggi l'articolo

Tour de San Luis 2014 a Nairo Quintana

Nairo Quintana

Nairo Quintana vince già: il folletto colombiano, secondo all’ultimo Tour de France 2013 si aggiudica infatti la piccola e già apprezzata corsa a tappe argentina del Tour de San Luis. L’ultima tappa è andata al nostro Sacha Modolo: il 26enne della Lampre-Merida ha regolato in volata nientemeno che Peter Sagan, sul traguardo di Terrazas de Portezuelo dove l’anno scorso aveva battuto sua maestà Mark Cavendish. I 148 chilometri della frazione finale hanno così messo la parola fine al San Luis che ha visto il nostro Domenico Pozzovivo migliore italiano al decimo posto e Vincenzo Nibali in fase di rodaggio con l’aggravante di una caduta che gli è costata l’infrazione di una costola. Quintana ha anche vinto una tappa: occhio, quest’anno punta dritto al Giro d’Italia 2014.

Leggi l'articolo

Calendario Cyclepassion 2014: le cicliste più belle [FOTO]

Calendario CyclePassion 2014

Il calendario CyclePassion 2014 è ufficiale. Eccoci con le foto del calendario più atteso del ciclismo: no, non è quello UCI ma quello CyclePassion con la versione 2014 che raccoglie le cicliste più belle del panorama internazionale, con 12 mesi ricchi di fascino e sensualità con le tedesche Dana Elena Schweika, Helen Grobert e Nadine Rieder, insieme all’austriaca Angie Hohenwarter, la scozzese Hannah Barnes e la giapponese Miki Libata che hanno prestato viso e soprattutto corpo alla causa. E’ possibile ordinare il calendario formato 40×68 cm a un prezzo di 39 euro sul sito ufficiale di Cyclepassion. Altre foto dopo il salto e il video dietro le quinte.

  • Calendario Cyclepassion 2014
  • Cyclepassion-2014-Gennaio
  • Cyclepassion-2014-Febbraio
  • Cyclepassion-2014-Marzo
  • Cyclepassion-2014-Aprile
  • Cyclepassion-2014-Maggio
  • Cyclepassion-2014-Giugno
  • Cyclepassion-2014-Luglio
  • Cyclepassion-2014-Agosto
  • Cyclepassion-2014-Settembre
Guarda le foto e leggi l'articolo

Chris Froome recupera dalla schistosomiasi

Tour de France 2013 Tappa 18

Chris Froome ritorna a pieno regime dopo aver recuperato da una malattia tropicala chiamata Schistosomiasi che si portava dietro addirittura dal 2009. Una notizia abbastanza sorprendente, visto che il britannico ha vissuto due stagioni straordinarie nonostante questa patologia tropicale. Lo ha comunicato lo stesso ciclista della Sky che ha confermato che la parassitosi non è più presente all’interno del proprio organismo: “E’ una notizia davvero fantastica per me, sono guarito finalmente dalla schistosomiasi e non mi devo più preoccupare. Mi era stata diagnosticata nel 2009, ma per fortuna l’ultimo test ha dato esito negativo“.

Leggi l'articolo

Arnaud Coyot muore in un incidente stradale

Arnaud Coyot

Brutta notizia che arriva dalla Francia: l’ex corridore professionista Arnaud Coyot è infatti morto a seguito di un incidente stradale in una situazione ancora tutta da definire e con cause ancora da accertare nel dettaglio. Aveva corso soprattutto in patria per team come Cofidis, Unibet, Caisse d’Epargne e Sojasun. Cordoglio da parte dell’intero movimento ciclistico internazionale per un ciclista che di certo non era noto per vittorie significative, ma che all’interno del gruppo aveva tantissimi amici a partire da chi ci ha corso insieme e a chi l’ha avuto come gregario come lo spagnolo Alejandro Valverde.

Leggi l'articolo

Oscar Gatto e Marco Marcato alla Cannondale

Gara ciclistica

Importante mossa di ciclomercato della Cannondale (ex Liquigas) che si assicura due corridori italiani di qualità come Oscar Gatto e Marco Marcato, che vanno ad aggiungersi agli altri atleti che si sono accasati sotto il colore verde acceso della divisa del team di prima fascia. La Cannondale si era infatti già accaparrata il fortissimo campione del mondo under 23 Matej Mohoric (che l’anno prima era stato campione Juniores, ricordiamolo) e i promettenti dilettanti azzurri Davide Villella, Davide Formolo e Alberto Bettiol. Il team manager Roberto Amadio ora potrà così mettere in strada una vera corazzata ad accompagnare il capitano Peter Sagan nelle Classiche così come nelle tappe dei Grandi Giri.

Leggi l'articolo

Saxo Bank venduta alla Tinkov: e Alberto Contador?

Saxo Bank

La squadra Saxo Bank diventa Tikov e il secondo sponsor passa in prima posizione: notizia bomba che coinvolge il super team di Bjarne Riis. Il danese esce così ufficialmente di scena vendendo l’equipe al magnate russo – vero tycoon del settore bancario – per una somma di 7 milioni di euro. Mica briciole. E ora Alberto Contador, ossia la punta di diamante della squadra, come reagirà? I rapporti con Mr Tinkov sono tutt’altro che floridi e anzi allo scorso Tour de France il russo aveva pesantemente criticato lo spagnolo definendolo troppo ricco e troppo poco affamato. Si prospetta un cambio di casacca per Alberto?

Leggi l'articolo

Museo del Ghisallo chiude per sempre?

giro d italia maglie rosa ghisallo

Oggi 4 novembre il Museo del Ghisallo chiude ufficialmente per cinque mesi, ma non è detto che riaprirà il prossimo Aprile 2014. Soffocato dai debiti e dagli oneri da corrispondere alle banche, uno dei più lodevoli progetti legati alla memoria del ciclismo rischia così di non vedere più la luce della prossima primavera dato che – a quanto si legge e sente – gli introiti coprono solamente un terzo delle spese mensili. Si cercherà disperatamente di tamponare la situazione, ma non sembra così facile. Speriamo davvero che un patrimonio del genere non sia ormai perso, sarebbe un peccato visto l’incredibile affetto dei tifosi e degli appassionati che ogni giorno raggiungono la mitica salita e visto anche l’ingente numero di cimeli. Ma, purtroppo, tutto questo non basta per tappare la falla.

Leggi l'articolo

Ryder Hesjedal ammette il doping, 10 anni fa

garmin_hesjedal_maglia rosa asta

Ryder Hesjedal ammette di essere ricorso all’uso di doping e di sostanze illecite dieci anni fa dunque ben lontano dalla vittoria del Giro d’Italia 2012, unica e vera gioia e affermazione di una carriera altrimenti anonima. Il canadese, era stato tirato in ballo da Michael Rasmussen, nella sua autobiografia “Yellow Fever”, in cui viene raccontato come Ryder sia stato istruito a dovere dal danese su come doparsi per ottenere risultati facili. E così, Hesjedal ha confessato e chiesto scusa, ben conscio del fatto che – riferendosi a eventi di un decennio fa – il Giro rimane al sicuro. Ma non rimane affatto al sicuro la sua reputazione e la sua immagine, per altro mai stata così sicura e stabile sulle proprie fondamenta.

Leggi l'articolo

Mauro Santambrogio: amici e fan evitano il sucidio

Giro d'Italia 2013

Mauro Santambrogio è arrivato a un passo dal suicidio la scorsa notte: un messaggio “Addio mondo” aveva lanciato un pericoloso avvertimento e fortunamente ha smosso amici e fan che hanno raggiunto l’ex atleta della Vini Fantini evitando che commettesse stupidaggini. Caduto in depressione dopo la positività allo scorso Giro d’Italia 2013 per Epo (anche se la vicenda è tutt’altro che conclusa), il 25enne si è poi rifatto sentire su Twitter confermando di essere arrivato molto vicino al suicidio, inoltre ha ringraziato che gli è stato vicino e continua a farlo in questo momento. La depressione è una delle prime conseguenze del doping.

Leggi l'articolo

Giro d’Italia 2014: tappe e percorso nel ricordo di Pantani [FOTO]

Giro d'Italia 2014 partenza Irlanda

Il Giro d’Italia 2014 è ufficiale con le tappe, il percorso e tutte le salite. La corsa rosa piazza la partenza da Belfast ossia dalla capitale dell’Irlanda del Nord poi si passerà per Armagh e Dublino appunto in Irlanda per una tre giorni all’estero che riprende la moda non così apprezzata dai tifosi della partenza da ben fuori l’Italia. Lo aveva spifferato l’ANSA lo scorso maggio e subito era stato ufficializzato dalla Gazzetta dello Sport e dunque da RCS con l’immagine del ministro al Turismo nordirlandese Arlene Foster insieme al direttore generale di Rcs Sport Michele Acquarone che hanno stretto l’accordo. Il progetto di gemellaggio sportivo tra Italia e Irlanda del Nord è stata promossa dal Northern Ireland Tourist Board, dalla Città di Belfast, da Failte Ireland, dalla Città di Dublino insieme al supporto di Mediolanum International Fund ltd. e Mediolanum International Life Ltd. Diamo un’occhiata agli ultimi aggiornamenti.

Leggi l'articolo
Seguici