Thomas Voeckler doma la Freccia del Brabante sotto la pioggia

Thomas Voeckler doma la Freccia del Brabante sotto la pioggia
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Thomas_Voeckler_brabante

Si può dire quel che si vuole di Thomas Voeckler ma non che sia sprovvisto di coraggio: il pimpante corridore francese ha dimostrato ancora una volta la sua grandissima volontà andando a prendersi una emozionante Freccia del Brabante 2012. La sua fuga è iniziata da 30 chilometri dal traguardo sotto un cielo che rovesciava acqua in volontà e su strade non proprio simpatiche: T-Blanc ha infatti scelto una delle gare del Nord forse meno note ma non per questo meno impegnative per vincere la sua prima corsa del 2012. Il Brabante ha un po’ della Liegi Bastogne Liegi grazie alle numerose cotes e un po’ della Parigi Roubaix visti i tratti in pavè spesso e volentieri pure in salita. Ma nonostante questo è riuscito ad arrivare tutto solo a Overijse.

A tre giorni dalla Amstel Gold Race (che tra parentesi non vedrà alla partenza Tom Boonen, vincitore del Giro delle Fiandre e della Parigi Roubaix) e a 32 anni d’età, Thomas Voeckler va a vincere la 52esima edizione della Freccia del Brabante in Belgio, che si è disputata lungo i 196 chilometri da Leuven a Overijse con ben 28 cotes da superare e tanto pavè da digerire. E’ partito ai meno 30 km e questo è stato uno dei suoi oltre 30 successi agguantati da quando è professionista. Thomas Voeckler (che corre per la Europcar) ha illuminato anche il Tour de France 2011 rimanendo per diversi giorni in Maglia Gialla e mantenendola addirittura dopo l’impegnativa tappa con arrivo a Pinerolo con il Galibier di mezzo. Ma non è di certo uno scalatore, si può definire come un corridore abbastanza completo, competitivo sul passo, sugli strappi e anche in volata. Insomma, uno che può fuggire un po’ dappertutto.

T-Blanc ha preceduto sul traguardo di Overijse lo spagnolo Oscar Freire, che ha regolato il gruppo degli inseguitori giunti con 1’11″ di ritardo sotto il diluvio. Condizioni epiche che danno ancora più lustro a questa impresa del francese. Che ora partirà con l’entusiasmo a mille per la Amstel Gold Race che si correrà domenica prossima in Olanda, ma di certo troverà sul proprio cammino corridori affamatissimi. Settimana prossima si correrà poi la Freccia Vallone e poi sarà il turno della Liegi Bastogne Liegi, per quello che viene definito come il Trittico del Nord.

Ritornando alla gara, sul terzo gradino del podio si è piazzato un corridore di casa, il belga Pieter Serry (Topsport Vlaanderen-Mercator), mentre l’attesissimo Peter Sagan (Liquigas-Cannondale) è caduto per fortuna senza farsi troppo male e sarà ancora una volta da tenere particolarmente d’occhio in occasione delle prossime gare conosciute come le Classiche, è uno che può infatti battere in volata chiunque e sulle salite non si stacca così facilmente. Ci sarà da divertirsi.

520

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Gio 12/04/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici