Paolo Tiralongo sorprende tutti al Giro 2012, Ryder Hesjedal in rosa

Paolo Tiralongo sorprende tutti al Giro 2012, Ryder Hesjedal in rosa
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

paolo tiralongo giro 2012

Paolo Tiralongo strepitoso alla Recanati – Rocca di Cambio, valevole come settima tappa del Giro d’Italia 2012 e come primo arrivo in salita. L’uomo Astana si è incollato a Michele Scarponi della Lampre ISD e lo ha uccellato all’ultima curva, tenendogli testa sul tratto più duro al 10% e tagliando il traguardo. Emblematica l’immagine del vincitore che, non appena superata la linea si lascia crollare a terra completamente esausto. Terza posizione confortante per il lussemburghese Frank Schleck che, zitto zitto, sale sul podio di giornata precedendo il favorito di oggi (è anche il compleanno, auguri) Joaquin Purito Rodriguez. Quinta piazza per la nuova maglia rosa, il canadese Ryder Hesjedal della Garmin Barracuda, che ora in classifica generale precede di 15″ proprio Tiralongo e di 17″ Rodriguez.

Le parole del vincitore di giornata, che ha stupito davvero tutti con un’azione di pura forza e resistente sul finale spacca-gambe del finale, dopo una giornata altrettanto impegnativa: “Ho fatto molta fatica a prendere la ruota di Scarponi, poi quando ho visto i 250 ho pensavo che calasse gli sono rimasto a 10 metri aspettando che si voltasse e si sedesse. Ho fatto uno sforzo immenso, pensando o adesso o mai più e dopo l’arrivo ero senza ossigeno. Ero stremato, è stata una tappa dura e lunga avevamo ancora la stanchezza di ieri e domani sarà peggio di oggi“. L’anno scorso era stato primo a Macugnaga con la benedizione di Contador: “Con Alberto Contador sono sempre in contatto, è un grande e lo aspetto alla Vuelta, tornerà il Contador di sempre“.

Stefano Pirazzi ha preso l’ultimo strappo in prima posizione ma ha sbagliato totalmente l’ultima curva (ma sarebbe stato comunque ripreso), dopo aver tirato alla morte lungo tutta la salita finale: “Sono sfortunato è da tre anni che ci provo ma mi va sempre male, ma ci riproverò perché sono in crescendo. Sapevo che era una salita pedalabile e ho dato tutto perché sapevo che dietro menavano. Quando ho la gamba ci provo sempre“.

Le prime dichiarazioni del vincitore del Giro d’Italia dell’anno scorso, Michele Scarponi: “E’ stata una tappa difficile, sinceramente non pensavo di far niente, ma mi son trovato in un’ottima posizione nel finale e ci abbiamo provato visto che eravamo li. Mi sarebbe piaciuto vincere, ora la corsa non cambia, siamo all’inizio non è successo nulla, abbiamo corso bene e dobbiamo continuare così“. Per quanto riguarda la tappa di oggi, si segnalano anche le ottime posizioni finali di Domenico Pozzovivo al sesto posto e di Ivan Basso all’ottavo, che hanno però perso da Scarponi 9 secondi.

496

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Sab 12/05/2012 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici