Nibali padrone della Vuelta di Spagna 2010, bravo Mosquera

Nibali padrone della Vuelta di Spagna 2010, bravo Mosquera
  • Commenti (1)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Nibali

Mosquera ce l’ha messa tutta per provare a insidiare Vincenzo Nibali (foto, AP/LaPresse) sfilandogli quella maledetta maglietta rossa, ma non ha fatto i conti con la determinazione del siciliano Liquigas Doimo che, come sempre, si è amministrato alla perfezione. Non è stata sufficiente la vittoria nella salita finale per lo spagnolo

La tremenda salita di Bola del Mundo ha consacrato definitivamente il talento di Nibali che quest’anno – vale davvero la pena di ricordarlo – ha terminato il Giro d’Italia al terzo posto. Domani passerella finale, ma meglio non portare sfiga quindi rimandiamo i trionfalismi

Non si può non lodare però la grande intelligenza tattica di Nibali che conosceva benissimo il valore del suo rivale Ezequiel Mosquera (Xacobeo Galicia) così come aveva visto l’altimetria dell’erta finale della 20ª e penultima tappa della Vuelta di Spagna di 172 km con arrivo sulla Bola del Mundo.

Ha lasciato sfogare lo spagnolo, partito ai -3.5km, poi all’ultimo impegnativo km ha recuperato lo svantaggio macinando con regolarità sullo stradone di cemento. L’ultimo italiano a trionfare alla Vuelta di Spagna 2010 è stato Giovannetti nel 1990, prima solamente altri 3 connazionali sono arrivati leader a Madrid

233

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Sab 18/09/2010 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Paolo 19 settembre 2010 10:34

Bravo Vincenzo…ora la tua forza è stata consacrata…hai fatto due grandi giri ad alti livelli e una stagione di belle vittorie…ora tocca affrontare la prossima con ancora più determinazione…con il fisico che ha Nibali la sua corsa ideale è il tour…salite regolari senza pendenze estreme…e cronometro (nelle quali però bisogna ancora migliorare un pò)…il futuro è tuo (e di Riccò)…fateci sognare come ai vecchi tempi del Mitico Pirata, l’ultimo grande campione italiano, distrutto da giornalisti e dagli sciacalli del mondo del ciclismo, ma sempre nel nostro cuore mentre ci guarda da lassù!!!!!!!

Rispondi Segnala abuso
Seguici