Liegi Bastogne Liegi 2010, il ritorno di Vinokourov

Liegi Bastogne Liegi 2010, il ritorno di Vinokourov
  • Commenti (2)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Alexandre Vinokourov è tornato: ok, la 96ª edizione della Liegi-Bastogne-Liegi che ha vinto oggi non era la sua prima gara né la sua prima vittoria, basti pensare al freschissimo trionfo al Giro del Trentino per soli 12 centesimi su Riccò. Tuttavia mettere il sigillo sulla Doyenne è la conferma definitiva.

Il kazako Astana ha domato i rivali: molto bravo Kolobnev che ha ceduto soltanto all’ultimo km, Valverde si è dimostrato ancora una volta un osso duro, Gilbert ci ha provato e Cadel Evans ha confermato che è pronto, anzi prontissimo per il Giro d’Italia che partira qua vicino, dall’Olanda.

Vince un Astana, ma questa volta non è Contador che prende un po’ fiato (ma poco eh) dopo una grande Freccia conclusa al secondo posto nonostante la mega trasferta in auto. Andy Schleck ha provato a uscire dall’anonimato del 2010 con un attacco insieme a Gilbert – con Cunego e Voeckler dietro – ai meno 20 ma più che staccare la concorrenza dà il via alle fasi calde della corsa.

Contador raggiunge il duo, poi ai -16 ecco l’attacco che risulterà poi decisivo, è tutto profumato di vento dell’est con Kolobnev e Vinokourov. Subito dietro Gilbert e Valverde ai quali si aggiunge Cadel Evans. Gilbert tenta il tutto per tutto, si avvicina fino a veder la coda dei due fuggitivi, ma poi scoppia. Vino parte all’ultimo km e vince. Alla fine Kolobnev paga 6″, Valverde 1’04″, il primo italiano è un pimpante Garzelli 18esimo a 1’18″. Intanto in Italia il croato Robert Kiserlovski (Liquigas Doimo) vince il Giro dell’Appennino su Domenico Pozzovivo.

286

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Dom 25/04/2010 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Pisu.64
Pisu.64 26 aprile 2010 22:18

Beh anche se l’Italia rimane esclusa dai giochi, questo è il ciclismo che mi piace. Azione, coraggio, forza, non aver paura di farsi 20 km all’aria, partire, inseguire, staccare, riprovare a inseguire e ripartire ancora. Bellissima corsa. Niente menate alla Sgarbozza (secondo i suoi famosi insegnamenti bisognerebbe non esporsi mai se non negli ultimi… 3 km… sai che belle corse!). Bellissimi da vedere tutti i primi arrivati e soprattutto un grande Vino che ho visto dal vivo a Pampeago e mi è piaciuto davvero tanto! E pensare che lo volevano far ritirare dal Trentino per preservarlo per la Liegi… :-) e lui si è sspazzolato l’uno e l’altra :-) . Mitico Evans! Grande duello per questi due al giro!

Rispondi Segnala abuso
Paolo 27 aprile 2010 13:41

Ormai è ufficiale…l’unico ex-dopato che non ha + vinto nulla è il nostro Birillo Nazionale…vai ivan…mi raccomando, evita di firmare un nuovo contratto x l’anno prox che ci risparmi un pò di brutte figure…forza gibo!

Rispondi Segnala abuso
Seguici