Carlos Sastre vince il Tour de France 2008. Schumacher la seconda crono

Carlos Sastre vince il Tour de France 2008. Schumacher la seconda crono
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Sastre

Ora è ufficiale, Carlos Sastre è il vincitore del Tour de France 2008. Si difende in modo eccellente nell’ultima crono, dimostrando che le ultime prove contro il tempo delle grandi corse a tappe possono sovvertire ogni pronostico. Evans non punge, Kohl sfiora il colpaccio, bravo Menchov, ma bravissimo Schumacher che vince anche questa time trial e si dimostra il più forte sul passo di questo Tour

Evans non era in giornata, arriva nuovamente secondo, come l’anno scorso dietro Contador e non riesce a sfruttare la prova in cui “in teoria” è più forte degli altri contendenti, soprattutto di uno scalatore puro come Carlos Sastre. Alla fine taglia il traguardo a oltre due minuti dal pelato tedesco della Gerolsteiner. Ottima prova di Vandevelde che è 4° con 1’05″, Menchov è poco ispirato (dal Giro) ed è 6° a 1’57″. Orribile prova di Valverde che dimostra di esser davvero scarso a crono quest’anno, arriva a 4’25″.
Stefan Schumacher diventa ora il principale indiziato per l’oro olimpico di Pechino, ha distanziato di 21 secondi il superspecialista Fabian Cancellara che quest’anno al Tour ha deluso abbastanza. Terzo quel cagnaccio di Kim Kirchen che si è davvero battuto su tutti i fronti e finisce a 1 minuto e 1 secondo. Quarto dicevamo Vandevelde, quinto a un minuto e 22 secondi Millar.
Ce la fa Kohl a agguantare il podio finale, salirà sul terzo gradino dopo la bellissima cronometro che l’ha proiettato per metà percorso addirittura al secondo posto. Frank Schleck è partito subito prima di Sastre, era quasi impossibile che mantenesse la posizione e infatti perde minuti come se piovessero, viene addirittura raggiunto e superato dalla maglia gialla.
Ecco il perchè della tattica apparentemente suicida della CSC all’Alpe d’Huez, con l’avvicinamento in casa tra i due alfieri della squadra danese. Dopo il Giro d’Italia a Contador, il Tour all’altro spagnolo Sastre, non certo un campione esuberante e appariscente, ma un professionista che ha lavorato tutta la carriera per gli altri e che ora, finalmente, può gioire in prima persona. Nessuno lo merita come lui questo Tour.

434

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Sab 26/07/2008 da in ,

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici